SANREMO (IM), 2 ottobrePassata la paura della vigilia, con tanto di allerta rossa proclamata dalla Protezione Civile per la notte antecedente la gara, il Rallye Sanremo si prepara a vivere la sua 67esima edizione sotto il sole che dovrebbe fare capolino dalla prima mattinata scaldando concorrenti e prove speciali per tutta la giornata.
Sono 179 gli equipaggi in totale che hanno superato la giornata di verifiche suddivisi in 77 per il Rallye Sanremo valido per il Campionato Italiano Rally, con Giandomenico Basso e Andrea Crugnola ad aprire la sfida che vale il titolo tricolore, il figlio d’arte francese Pierre Louis Loubet, e tutti i protagonisti del Campionato Italiano Rally, del Trofeo Peugeot, Suzuki e Renault al via. A seguire i 66 equipaggi del Sanremo Legenda, con la Škoda Fabia R5 di Andrea Spataro-Gabriele Falzone ad aprire le danze. Quindi si passa alle storiche, con tutti presenti i 20 protagonisti del 34° Sanremo Rally Storico, guidati dalla Porsche dei fratelli Matteo e Claudia Musti, ma con l’attenzione di tutti concentrata sulla Stratos di “Tony” Fassina (affiancato da Marco Verdelli), vettura che trionfò qui a Sanremo nel 1978. Infine faranno seguito i sedici protagonisti della 34° Coppa dei Fiori che presenta al via alcune regine del passato, come Alpine A110, Fulvia Coupé e Alfa Romeo Giulia TI.
Proprio per allontanarsi dalla fase più intensa della perturbazione le quattro gare partiranno con un’ora di ritardo rispetto alla tabella tempi previsti. Il 67° Rallye Sanremo scatterà alle ore 8.10 dal parco assistenza sito nell’area della Vecchia Stazione, per chiudere la giornata alle 21.12, con l’arrivo della gara valida per il Campionato Italiano Rally sempre nell’area della Vecchia Stazione.

Il 67° Rallye Sanremo si svilupperà su tre passaggi sulle prove speciali Passo Teglia, Langan e Vignai, per un totale di 102.33 chilometri cronometrati, mentre 12° Rally Leggenda, 35° Rally Storico e 34esima Coppa dei Fiori vivranno su due passaggi delle stesse prove.

SANREMO (IM), 2 ottobre – A seguito dell’allerta meteo per il maltempo che sta flagellando la Riviera Ligure di Ponente, che ha spinto la Protezione Civile regionale ad emanare lo stato di allerta rosso fino alle ore 6:00 di sabato 3 ottobre, allerta che poi si evolverà per i grandi bacini in arancione e per i piccoli bacini in gialla l’organizzazione del rally, confrontandosi con le amministrazioni comunali interessate al percorso, ha concordato lo slittamento della manifestazione di un’ora al fine si svolgere le prove di velocità fuori dalla fascia critica dell’allerta. L’organizzazione è in attesa di ratifica da parte del Collegio dei Commissari Sportivi di questa imposizione da parte delle amministrazioni competenti sul territorio.

Pertanto il 67° Rallye Sanremo inizierà dal Parco Assistenza di Sanremo alle ore 8.10 (invece delle 7.10) e si concluderà alle 21.12, sempre nell’area della Vecchia Stazione, chiudendo la giornata rallistica sanremese.

SANREMO – Lo Shakedown del 67° Rallye Sanremo è annullato, a causa dell’allerta meteo arancione emanata dalla Regione Liguria per la giornata di venerdì 2 ottobre. La decisione è stata deliberata nella serata di giovedì dal Collegio dei Commissari Sportivi, in seguito all’ordinanza comunale sullo stop di tutte le attività all’aperto.

La gara non è a rischio, in quanto le condizioni meteo per sabato 3 ottobre sembrano decisamente migliori, con il sole che dovrebbe caratterizzare gran parte della giornata.

Tutte le fasi della gara, che si volgerà a porte chiuse, potranno essere seguite in diretta sul canale 11 del digitale terrestre in Liguria, sul sito www.primocanalemotori.it e sulla pagina Facebook Primocanale Motori in streaming.

SANREMO (IM), 1 ottobre – In relazione al bollettino ARPAL-Protezione Civile che ha diramato un’allerta arancione per la provincia di Imperia dalle ore 12.00 alle ore 24.00 di venerdì 2 ottobre, il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri, ha disposto la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado, degli impianti sportivi e dei ogni manifestazione in programma.

Il Collegio dei Commissari Sportivi del 67° Rallye Sanremo, nella sua prossima riunione delle 21.30 di questa sera, giovedì 1° ottobre, prenderà atto dell’ordinanza del sindaco ed emetterà le decisioni in merito all’effettuazione o meno dello Shake Down in programma domani, venerdì 2 ottobre, dalle ore 15.00.

SANREMO – Sarà un’edizione particolare quella numero 67 del Rallye Sanremo che, come intimato dalla Prefettura di Imperia, dovrà svolgersi rigorosamente a porte chiuse. Nessuna possibilità di accesso sulle prove speciali, che saranno presidiate e controllate in maniera capillare dalle Forze dell’Ordine. Sergio Maiga, impegnato negli ultimi preparativi dell’organizzazione è stato chiaro: “Non andate a vedere le prove speciali del 67° Rally di Sanremo. C’è il rischio di annullamento della gara”. Poco importa, purtroppo, se nelle gare disputate fino ad oggi c’è stata tolleranza verso un pubblico che si è sempre dimostrato disciplinato e responsabile. A Sanremo porte chiuse, senza alcun tipo di deroga.

Gli appassionati però non devono disperarsi, perché potranno seguire tutte le fasi della gara da casa o da qualsiasi altra postazione digitale, grazie al grande impegno di Primocanale Motori. Il Rallye sarà trasmesso in diretta per tutta la giornata di sabato 3 ottobre a partire dalle 7 del mattino, ora in cui la prima vettura lascerà il palco di partenza per dirigersi verso le prove speciali. La trasmissione sarà condotta da Giuseppe Sciortino, con il commento tecnico di Alex Fiorio. Stefano Bertuccioli curerà i collegamenti in diretta da paddock, sala stampa, parco assistenza e riordino. Appuntamento sul canale 11 del digitale terreste in Liguria (Telecittà), sul sito www.primocanalemotori.it e sulla pagina Facebook Primocanale Motori per lo streaming.

Nel frattempo si delinea una situazione meteo, complicata per la giornata di venerdì, che vedrà il transito di una perturbazione intensa proprio sulla Liguria, che si sposterà poi sabato sulle regioni del Nord Est. Organizzatori ed addetti ai lavori si trovano ora fare i conti con l’allerta meteo emanata dalla Regione Liguria, che dalle 12 alle 23:59 di venerdì 2 ottobre sarà di colore arancione sulla zona A, che comprende Sanremo e l’entroterra interessato dal Rallye. Proprio per la situazione di allerta arancione lo svolgimento dello shakedown è in bilico e la decisione finale verrà presa questa sera alle 21:30 dal collegio dei commissari sportivi, tenendo conto dell’ordinanza del Sindaco Biancheri che ha annullato gli eventi all’aperto dalle 0 alle 24 di venerdì 2 ottobre.

Rinviato da aprile a ottobre, il rally storico va alla ricerca di prove speciali strutturate in formato inedito; un buon test per i concorrenti che il prossimo anno punteranno al campionato europeo e a quello italiano di cui la gara ligure tornerà a far parte. Il rally si svolgerà tutto nella giornata di sabato 3 ottobre, con cuore pulsante nell’area della Vecchia Stazione, che ospiterà il riordino, il parco assistenza e la pedana di arrivo. Le iscrizioni apriranno mercoledì 2 e chiuderanno mercoledì 23 settembre.

SANREMO (IM), 31 agosto – Sei mesi dopo rispetto a quanto doveva essere, e anche le auto storiche accenderanno i motori a Sanremo. Sabato 3 ottobre, infatti, andrà in scena il 35° Sanremo Rally Storico e la concomitante 34esima Coppa dei Fiori di regolarità. “In questi sei mesi molte cose sono cambiate, ma abbiamo lavorato intensamente per proporre la migliore delle gare possibili, rispettando le restrizioni che l’emergenza COVID impone”, esordisce Sergio Maiga, presidente del comitato organizzatore.

Abbiamo dovuto riunire il rally storico con il 67° Rallye Sanremo per auto moderne, rinunciando a proporre due eventi separati, come avevamo messo a calendario a inizio anno”, commenta Maiga. “La struttura della gara, prevede l’effettuazione di un doppio passaggio sulle tre prove speciali di Passo Teglia, Langan e Vignai, rivedute e corrette, proposte in un format in gran parte inedito. Queste tre prove rappresentavano una delle due tappe della gara storica di aprile, allora valida per il Campionato Europeo Autostoriche. Le avevamo scelte per mettere sullo stesso piano concorrenti italiani e stranieri, che avrebbero affrontato strade nuove per tutti”, spiega ancora Maiga, che annuncia: “Per il 2021 torneremo nel Campionato Europeo Auto Storiche e il Sanremo Rally Storico si svilupperà su due giornate, come è tradizione, riproponendo su una tappa questo percorso”. Un’occasione quindi per i concorrenti che il prossimo anno daranno la caccia al titolo continentale o italiano di specialità, per fare conoscenza con queste prove, strutturate in modo inedito.

Il 35° Sanremo Rally Storico seguirà la gara valevole per il Campionato Italiano Rally, come ormai accade dall’edizione del 2014, partendo dal parco assistenza nell’area della Vecchia Stazione alle 9.46 di sabato 3 ottobre, per effettuare un doppio passaggio su Passo Teglia-Langan e Vignai, inframmezzato da un riordino-parco assistenza a Sanremo a partire dalle ore 13.33 e chiudere la gara negli spazi della Vecchia Stazione alle 18.16. Il Sanremo Rally Storico ha uno sviluppo di 235,08 chilometri, 68,02 cronometrati suddivisi in tre prove speciali ripetute due volte. La gara storica è la prova di apertura Campionato Rally Liguria-Primo Canale per le auto storiche per il Trofeo Rally Zona, e la Michelin Historic Rally Cup. Le iscrizioni saranno aperte da mercoledì 2 a mercoledì 23 settembre.